Si è verificato un errore nel gadget

martedì 4 gennaio 2011

Canto del mio corpo lento




Canto del mio corpo lento

La mia bocca ha troppo baciato
Commesse di supermercato
Scommesse finite male
Degenti di un ospedale.
Le mie labbra si sono aperte
Per labbra altrettanto esperte
E per chi non sapeva dire
I congiuntivi senza svenire.
I miei denti sono agonisti
Maledizione per i dentisti
Accattivanti per il sorriso
Di donne altere, con un bel viso.
La lingua ha fatto le sue conquiste
Con delle frasi mai troppo viste
Senza ripetersi mai, se non quando
Ha dato ordini senza comando.
Il collo ha fatto scorribande
Di donne altere, senza mutande
E ha detto sì, e anche spesso
A facce spesse, di cartongesso.
Le spalle hanno portato pesi
Dolori assurdi, di amori intesi
Come antipasti di altri amori
Che ho visto splendere come colori.
Il petto è forte, sostiene tutto
è forza buona, senza costrutto
perché si spende senza richieste
per donne altere, donne da feste.
La pancia è otre da osteria
Benedizione per l’allegria.
Crescendo è stata coltivazione
Di sonni dolci, da panettone.
Il sesso è un sasso, cuore di panna
Per donne altere, è stata manna.
Per altre è stato solo un pretesto
Fuoco di notte, da spegnere presto.
Le gambe sono due querce in fiamme
Corrono poco, avanzano a spanne
Incedono lente come serpenti
A sangue freddo, cuori contenti.
I piedi sono pezzetti di re
Che sanno correre solo da te.
Da te che cerchi in altre persone
Le mie certezze, le cose buone.
E io lo so, me l’hai insegnato
Sono un progetto per il passato.
L’uomo perfetto, che tu amerai
Da ora, per sempre. Vissuto mai.

12 commenti:

Anonimo ha detto...

bellissimo! e divertente!
fede

Giuseppe ha detto...

Bradbury cantava il " Corpo elettrico ", ma anche il tuo racconto è una folgore. Lampi di vita in rima. Bellissimo Prof !

Baol ha detto...

Anche le Totentanz mo?!

Si tropp braav (dovresti fartelo tradurre da qualche pugliese)

Anonimo ha detto...

Ti adoro. Mi regali della brillantezza per il cervello. E il cuore di una donna passa da lì.
Tu lo sai vero?
Marina
p.s.: non ti ricorderai mai di me, ci siamo conosciuti a Lucca e mi sono vergognata per cui ti ho solo detto che sono una lettrice di JD e tu mi hai detto solo grazie.
Bacio

Anonimo ha detto...

grazie a tutti. mi sono divertito a scrivere questa cosa, ma in fondo è abbastanza seria. il nostro corpo ci fa compagnia sin dalla nascita, cresce con noi e cambia ogni giorno. ma noi riusciamo a ignorarlo, disimpariamo ad ascoltare la sua voce, dimentichiamo le sue necessità. eppure, anche in amore, quante volte lo abbiamo usato VERAMENTE tutto? gli organi sessuali sono dei ricettori potentissimi, ma vanno aiutati da un benessere diffuso che coinvolga tutta la nostra persona. non sto parlando di "prestazioni", quindi, ma di "amore per la fisicità". dove anche uno sguardo ben assestato può fare tutta la differenza del mondo. gli uomini chiamano questa cosa "fare l'amore", tendono a differenziarla dal sesso. secondo me, è l'unico modo per dividersi con il proprio partner, moltiplicando gli stimoli e godendo anche di uno sfioramento da vestiti. non è faticoso, credetemi è soltanto più bello.
lorenzo

Anonimo ha detto...

io devo conoscerti. parlarti. aspetterò. non ti darò fastidio lo sai. mi pieghi delle cose che credevo già di saperle ma non era così. è una sensazzione nuova perchè gli uomini non sanno niente e parlano di cose che non sanno come se le sapessero. tu fai il contrario perchè spieghi senza spiegare. s che hai capito.
fede

Anonimo ha detto...

accontentati di quello che scrivo. sono contento che ti dia sensazioni forti, ma sono finte. sono circoscritte alla letteratura. la vita vera è un'altra. io non sono così interessante e gli altri uomini non sono così male. dedica ad altri le attenzioni che dai a me e scoprirai delle belle persone. buona fortuna.
lorenzo

Anonimo ha detto...

eh eh! Che bella ode! Riesci a trasformare l'ordinario in straordinaria poesia!
m.

Cristiana ha detto...

Una delle mie preferite

Anonimo ha detto...

qui si batte la fiacca! mi mancano i tuoi racconti che mi fanno sognare. ieri sono passata alla tua libreria ma tu non c'eri. qunado ci sei? mi fa piacere conoscerti perchè così capisci che sono una brava ragazza e che mi piaci davvero. a presto.
fede

Anonimo ha detto...

passo oggi?
fede

Anonimo ha detto...

sei carinissimo dal vivo. io mi sono un po vergogniata si sarà visto. ma ero contenta e tu sei gentile e mi hai mostrato il locale con cortesia. va bene dai. almeno sai che non sono una pazza esaltata! spero a presto
fede